Where I Live pt. 2 [*]

3. Vivo nel mio quartiere. Il mio quartiere è il più bello di tutti, ci sono tre librerie, una gelateria che fa un pistacchio salato che vale tutti i mal di pancia che mi fa venire la mia intolleranza al latte, tanti posti in cui posso andare a prendere una tazza grande di caffè, sedermi all’ombra e aprire il computer per lavorare. Nel mio quartiere c’è anche una piazza che, d’estate, si trasforma in una spiaggia e i bambini stanno a mollo nella fontana godendosi il vento che tira anche nelle giornate più calde. Nel mio quartiere c’è tutto quello di cui ho bisogno a portata di mano – c’è tutto tranne qualcosa. È il segreto di tutte le storie d’amore, il tassello mancante, quella cosa che ci spinge a non adagiarci, che a volte ci fa litigare ma cos’è litigare, in fondo, se non un pretesto per fare la pace?

4. Vivo alla mia scrivania. L’ho comprata all’Ikea dopo aver preso le misure di tutti gli angoli della casa confrontandole coi modelli in catalogo. L’ho scelta bianca e ogni tanto la uso al posto dei fogli, quando non so dove prendere appunti oppure ho voglia di disegnare. La sedia, invece, l’ho scelta rossa, perché mi mette allegria. Sulla mia scrivania c’è sempre un gran disordine, anche quando ho appena finito di metterla a posto, perché mi serve avere tantissime cose a portata di mano anche se, in questo modo, non le trovo mai. Ma è una buona scusa per staccare gli occhi dal computer, alzarmi, dar aria ai pensieri. Ho avuto tante scrivanie nella mia vita, ma questa è la mia preferita, anche se forse non è ancora quella definitiva. Quando guardo le fotografie delle altre case, tra cui ci potrebbe essere quella in cui abiterò, cerco sempre di capire se ci sarà spazio per la mia scrivania, cerco sempre di capire cosa potrei vedere mentre lavoro. Le mie preferite sono quelle che mi darebbero la possibilità di mettermi vicino a una finestra, anche se ci sono dei momenti in cui preferisco guardare il muro. Adesso, quando torni a casa, sento la tua voce prima di vederti, perché tra la scrivania e la porta c’è di mezzo la libreria.
A volte odio la mia scrivania, quando ci passo tanto tempo a fare cose che mi piacciono poco: ma mi basta fare con lei qualcosa di bello per tornare ad amarla, per pensare che la mia scrivania è il posto migliore del mondo.

[*]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...