In retrospect it’s beautiful but it’s too late to go back [*]

Se mi chiedessero adesso cosa volevo fare da piccola allora sì che avrei le idee chiare. Funziona tutto alla rovescia, siamo fatti del 70 per cento di acqua e del 30 per cento del senno di poi e se invecchiando la pelle si fa meno elastica è perché la percentuale di acqua diminuisce, e aumenta quell’altra.
Da molto piccola voglio piangere di meno, imparare a dire le cose con la bocca e non con le lacrime. Da molto piccola voglio andare a dormire alle otto e mezza senza lamentarmi, perché c’è un tempo per l’insonnia ma deve ancora arrivare. Da molto piccola voglio pensare né di meno né di più, ma a cose diverse. Da molto piccola voglio sedermi più spesso sulle gambe della mamma, non pensare che i disegni siano una perdita di tempo. Da molto piccola voglio giocare un po’ di più, e anche sbucciarmi di più le ginocchia. Non avrei mai pensato di poter sentire la mancanza non tanto delle ginocchia sbucciate, ma del modo in cui cadere a sette anni è diverso da cadere a trentasette. Siamo fatti del 70 per cento di acqua, cambiamo pelle una volta al mese, cambiamo fegato ogni sei settimane, gli occhi restano uguali, e lo smalto dei denti.
Da molto piccola te l’avevo detto te lo dicono gli altri, poi inizi a dirtelo da sola ed è da quel momento che capisci di non essere più molto piccola, anche se non sei ancora grande. Da molto piccola il tempo dura tantissimo, come i cinque minuti in risposta al ma quando arriviamo? Da molto piccola è tutto più elastico, non solo le ossa, o forse è solo che le cose che fanno male sono palline di carta, col senno di poi.
È così facile sapere come cogliere un’occasione dopo che l’hai persa, riconoscere una persona sbagliata dopo che te l’ha fatto vedere, ridere di se stessi quando si smette di prendersi sul serio; è così facile sapere cos’era meglio per noi, capire quando risparmiarsi, distinguere le cose importanti. Sarà che gli occhi invecchiano e diventano saggi, sarà che il fegato nuovo è senza memoria, sarà che a saperlo, sarà che ad averlo saputo, che bello, sbucciarsi le gambe, cadere più spesso, vedere il futuro.

[*]

Annunci

2 thoughts on “In retrospect it’s beautiful but it’s too late to go back [*]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...