Mélancolie érotique

A volte penso che con te mi piacerebbe fare un viaggio. Portarci dietro pochi vestiti di quelli che puoi lavare nel lavandino e non c’é bisogno di stirarli, qualche libro scelto a seconda della destinazione, tanta carta, le mie due macchine fotografiche, la digitale e quella che impressiona la pellicola con colori strani e sfocati. Andare verso nord o verso est o verso dove cade la moneta quando la lanciamo, basta che ci porti dove c’è verde, dove c’è acqua di fiumi o di laghi o di mari mai visti, guido io, con gli occhiali da sole e i finestrini abbassati e musica da cantare e capelli scompigliati dal vento e da te.
Penso che mi piacerebbe fare un viaggio anche se non riesco a immaginare dove, come, solo me che mi giro e ci sei tu. Fermarci quando vediamo qualcosa che ci colpisce, scrivere e baciarti e poi ripartire. Dormirti addosso. Raccontarti quello che sogno con gli occhi ancora chiusi. Infilare le cose nello zaino con addosso una maglietta troppo grande e con i buchi.
Vorrei scrivere con te il viaggio che non faremo mai, la notte che non passeremo mai insieme, le città che non vedremo, le stanze che non ci vedranno muoverci insieme tra le quattro pareti, l’erba nella quale non ci rotoleremo ridendo, l’acqua nella quale non ci bagneremo coperti soltanto dalla notte, i libri che non leggeremo mai a letto, i cibi che non assaggeremo imboccandoci a vicenda con le dita.
A volte penso che riuscirei a farmi bastare cinque minuti di te e a volte penso che non mi basterai mai.

Annunci

22 thoughts on “Mélancolie érotique

      1. Naturalmente :)
        Scusa l’anonimato di wordpress, in realtà mi trovi qui toletta.tumblr.com
        Ciao e alla prossima lettera, Giulia

  1. È talmente perfetta questa yellow letter che mi scoccia quasi commentarla, temo di rovinarla. Pero penso che fa piacere ricevere riscontro da chi ti legge e allora ecco qua il mio.

    Sono sempre stata del parere che amore è quando vuoi progettare, pianificare, come se volessi assicurarti un futuro perché la paura di non averlo ti terrorizza.
    Questo è amore, cavolo se lo è. E leggerlo mi fa venire una voglia di ribellione per lo stato delle cose che non puoi capire..vorrei avere il potere di cambiarle. Le mie, le tue e di tutti quelli che vorrebbero progettare, ma non possono.

    1. Hai fatto bene, per me le lettere più sono stropicciate più sono belle.
      Non lo so come si faccia a ribellarsi. Mi sa che è una di quelle cose, questa, che si possono solo accettare, o cercare di. Cambiare pagina. Che poi è stato uno scherzo di wordpress, questo, perché è una cosa di qualche tempo fa che volevo pubblicare al suo posto, nel passato, e non so perché mi è sbucata fuori oggi, e mi viene da cercare il motivo per cui. Che me le ricordo, tutte quelle sensazioni lì, mica c’era bisogno di sbattermele in faccia così. O forse sì, è una specie di schiaffo.

  2. Trovo quello che scrivi a dir poco stupendo…
    sono arrivata al punto di piangere rispecchiandomi perfettamente in certe tue parole…in certi tuoi pensieri..in certe tue descrizioni…continua a scrivere…e non smettere mai…

  3. Direi semplicemente, unica. Ho provato tante volte a scrivere una lettera che sappia raccontare in questo modo i sentimenti che provo, senza riuscirci mai. Credo di aver buttato via una pila intera di fogli bianchi senza esito…
    Da parte mia un elogio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...