12Feb09

una volta pensavo che scrivendo avrei avuto le idee chiare, pensavo, c’è della verità in quella cosa che si dice, mettere nero su bianco, mettere nero su bianco e il nero sul bianco si vede per forza e a quel punto non puoi più sbagliare, è tutto scritto, è tutto lì, quello che hai bisogno di sapere e di conseguenza di capire, una volta pensavo un sacco di cose, che prima o poi avrei avuto il corpo che volevo, che sarei riuscita a tingermi i capelli di rosso da sola, che non me ne sarei mai andata senza la mia gatta, che un giorno guardandomi allo specchio avrei potuto dire, bella, che avrei imparato le cose che non so e che mai mi sarei persa, mai avrei ascoltato una certa canzone, mai avrei indossato quel certo vestito, mai, prima o poi.
sono arrivata a trent’anni a notare che la confusione, anche nera sul bianco, non si chiarisce, che il corpo che ho è questo che indosso e anche se cambia a ogni stagione non smette mai di non somigliarmi, i capelli rossi mi stanno male e comunque sul nero non prende la tinta, la gatta la sento al telefono quando chiamo i miei genitori, lo specchio sorride di rado, son più le cose dimenticate che quelle che ho appreso e mi perdo in continuazione e ascolto le canzoni sbagliate e il vestito è appeso in mezzo agli altri vestiti e l’ho messo in un giorno d’estate.

Annunci

2 thoughts on “12Feb09

  1. Pingback: le penne altrui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...