15Gen09

non cammini, ti muovi compatto e perdi la tua compattezza se mi allontano o sono io a perdere forma e colore a cercare di nuovo riparo alla tua luce alla tua ombra riflettermi nera nel verde e trascinarti con me senza nemmeno sapere la strada, senza sapere portarti né avanti né indietro, senza sapere nemmeno pregarti restiamo così, restiamo sospesi, senza saperti pregare, la cosa importante è che siamo vicini, le scarpe bagnate a ogni passo implorarti di credere nella realtà che sto (de)scrivendo –
mi leggi? a volte mi pare che la mia colonna sia tesa, mi pare di ergermi e quasi arrivarti ma a volte mi piego e mi sento svanire, ancora di più dal momento che so della cura che hai usato per impararmi il contorno e poterlo ripetere con gli occhi chiusi – li chiudi mai, gli occhi? – intingendo le dita nella mia bocca o nella vernice o nell’aria –
ricordo le cose che so anche quando sembra ch’io l’abbia dimenticate – ricordale tu al posto mio, ricorda che ho dentro alcune certezze e che una di queste è la forza, ricorda che il male lo infliggo a me stessa da sola e così pure il bene che scelgo, ricorda le strade sbagliate e gli aperitivi, ricorda il sorriso che faccio ogni volta che arrivi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...