22Dic08

intravedo il nero dell’orbita vuota orbito intorno al vuoto del nero intravisto svuoto orbitante nero intravedendo la fine i castelli di carta in fiamme lontano i castelli di carte in un soffio cadono crollano regina di fiori dal gambo tagliato nell’acqua ristagno nel fuoco risplendo in terra ritorno alla terra alla polvere croce di cenere in fronte passo parola parola ritorna anelli di fumo intorno alla lingua di fuoco offrendo la rosa di carne del polso bracciale bracciate per allontanarsi restando a galla nutrendo i pesci attraverso la schiena mi apro branchie suonando la nostalgia picchiando i femori rotti su tutte le costole tranne quella di adamo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...