Loop

il mio terrore è quello di diventare (essere) una di quelle persone senza talento che si circondano di persone di talento per nutrirsene a carezze e morsi di invidia.
il mio terrore è quello di diventare (essere) una di quelle persone senza talento che pensano di avere talento e si riconoscono in altre persone che invece il talento ce l’hanno rendendosi così ridicole agli occhi del mondo.
il mio terrore è quello di diventare (essere) una di quelle persone senza talento che hanno così tanta fame da accontentarsi di tutte le briciole.
diventare (essere) una di quelle persone che ingannano se stesse ancora prima di ingannare gli altri. diventare (essere) una di quelle persone che dicono: no quando pensano: sì e dicono: grazie quando pensano: lo so. diventare (essere) una di quelle persone che ambiscono senza merito, che si incazzano quando non ricevono, che si offendono per proiezione.
una di quelle persone che ridono e piangono al momento sbagliato, che implorano esigono pretendono, ma sempre con una maschera di gentilezza.
una di quelle persone che ricordano per non essere dimenticate.
una di quelle persone che non sono mai grate.
una di quelle persone false che ti blandiscono con la dolcezza per poi spezzarti, forzarti, infilarti una leva nel buco che hai in mezzo e aprirti a metà solo per dimostrare a se stesse di essere forti, più forti – una di quelle persone che riescono sempre a guardarsi allo specchio.
una di quelle persone – se diventassi (fossi) una di quelle persone scriverei queste cose per convincermi di non essere diventata (di non essere) una di quelle persone. se diventassi (fossi) una di quelle persone scriverei: sto scrivendo queste cose per convincermi di non essere diventata (di non essere) una di quelle persone. per convincere chi mi legge che non sono diventata (non sono) una di quelle persone mentre invece sono diventata (sono) esattamente una di quelle persone. se fossi diventata (se fossi) una di quelle persone lo farei e arrivata alla fine mi convincerei che se fossi diventata (se fossi) una di quelle persone non potrei scrivere una cosa come quella che sto scrivendo, una di quelle persone non lo farebbe mai, non potrebbe essere tanto sincera. eppure sarei diventata (sarei) una di quelle persone. sono diventata (sono) una di quelle persone. lo divento nel momento in cui scrivo: se diventassi (se fossi) una di quelle persone.
vorrei che bastasse cercare di non diventare (di non essere) una di quelle persone. sono esattamente quel genere di persona. sono esattamente io, così, per sempre, da sempre.
sono la persona che non chiama e che non risponde. sono la persona che continua a gridare il tuo nome, e il tuo, e il tuo.
sono la persona che pensa di essere interessante solo perché non si deve ascoltare, sono la persona che si pone solo domande di cui ha già la risposta o crede di averla, la persona che guarda ma non vede, la persona che capisce ma non sente o sente e non capisce e ancora insiste e non ci crede, la persona che si spoglia solo a luci spente, la persona che inganna, ferisce, mente.

Annunci